Al di là del bene e del male è uno dei testi fondamentali di tutta la filosofia del XIX secolo. Attraverso una potente struttura costituita da aforismi, Nietzsche attacca in maniera critica la passiva accettazione della morale che caratterizza i grandi pensatori e i filosofi a lui contemporanei.

In questo contesto la spiritualità e la visione di Dio altro non sono che la rappresentazione degli innegabili bisogni interiori di un'umanità che, troppo spesso, usa la religione come pretesto per perseguire bramosi obiettivi di potere e dominio.

Dalla provocatoria analisi e dal conseguente rifiuto di questo atteggiamento nasce lo "spirito libero", insito in tutti coloro che si pongono come investigatori di quelle verità tra le più profonde ed indigeste per la massa perbene ed educata.

Si tratta di coloro che cercano di somigliare agli antichi fautori del cinismo greco e che non hanno quindi paura di parlare male dell'umanità quando la volontà di rinnovamento lo richiede.

La prefazione al libro è di Andrea Colamedici

 

Friedrich Nietzsche (Rocken, 1844 - Weimar, 1900) è stato uno dei più importanti filosofi dell'Ottocento. Pensatore eversivo, ebbe come principali obiettivi polemici la razionalità socratica, base della cultura europea, e il criterio di verità, riportato alle sue pulsioni materiali e quindi di travestimento ideologico. La sua eredità filosofica è stata contesa dalle più diverse scuole di pensiero. Nei "Classici" Feltrinelli, La nascita della tragedia (2015) e l'antologia Come si diventa ciò che si è (2008).

 

Editore Libraio Editore
Anno Pubblicazione 2018
Formato Libro - Pagine: 255 - 11x19,5cm
EAN13 9788831937061

AL DI LA' DEL BENE E DEL MALE. Friedrich Nietzsche

€ 17,90Prezzo